Part-time per i pensionandi

Sulla G.U. n.115 del 18 maggio è stato pubblicato il decreto 7 aprile del Ministero del Lavoro, che disciplina le modalità di riconoscimento degli incentivi al passaggio al lavoro part-time in prossimità del pensionamento di vecchiaia. .
I lavoratori dipendenti del settore privato, assunti con contratto a tempo pieno e indeterminato, che maturano entro il 31 dicembre 2018 il requisito anagrafico per il conseguimento della pensione di vecchiaia e che hanno maturato i requisiti minimi di contribuzione per il diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia possono stipulare, in accordo col datore di lavoro, un “contratto di lavoro a tempo parziale agevolato” che trasformi il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, con riduzione dell’orario di lavoro in misura compresa tra il 40% e il 60%. La durata di tale contratto è pari al periodo intercorrente tra la data di accesso al beneficio e la data di maturazione, da parte del lavoratore, del requisito anagrafico per il diritto alla pensione di vecchiaia. Mensilmente sarà corrisposta al lavoratore, da parte del datore di lavoro, una somma pari alla contribuzione previdenziale ai fini pensionistici a carico del datore di lavoro relativa alla prestazione lavorativa non effettuata e sarà riconosciuta la contribuzione figurativa commisurata alla retribuzione corrispondente alla prestazione lavorativa non effettuata in ragione del contratto di lavoro a tempo parziale agevolato.

pensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...