Buoni lavoro: la nuova procedura

Lo strumento del buono lavoro diventa pienamente tracciabile.

La prima modifica riguarda difatti la modalità di richiesta. Almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione lavorativa, sarà necessario che il committente (ovvero l’imprenditore o il professionista) comunichi i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore con un sms o via posta elettronica alla sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro. Nella medesima comunicazione sarà necessario indicare anche il luogo e la durata dell’impiego accessorio.

Nei casi in cui si verifichi una violazione di queste regole, scatteranno sanzioni amministrative anche piuttosto “salate” da 400 a 2.400 euro, in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata emessa la comunicazione.

a504caaa6c7a42c41499a5804887f0e8_m

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...