Licenziamento della lavoratrice madre

mamme-lavoratrici

Per licenziare una lavoratrice madre non basta la giusta causa, ma è necessario ricercare la colpa grave. LaCorte di Cassazione, con la sentenza n.2004/2017, si è espressa su un licenziamento irrogato per assenza ingiustificata sulla base del contratto collettivo che consente la risoluzione del rapporto per arbitrarie assenze dal servizio per oltre 60 giorni consecutivi. Nel caso specifico, la lavoratrice, dopo un licenziamento seguito da una riammissione in servizio, era stata trasferita presso un altro ufficio, ma non si era mai presentata, rimanendo assente ingiustificata per più di 60 giorni consecutivi. All’assenza è seguito il licenziamento come previsto dal contratto collettivo del settore.

In precedenza il Tribunale e poi la Corte di appello avevano respinto il ricorso della lavoratrice osservando che, poiché l’assenza ingiustificata risultava tra le cause di licenziamento per giusta causa previste dalla contrattazione collettiva e poiché la lavoratrice non si era neppure presentata al momento del ripristino del rapporto di lavoro, nemmeno per spiegare le proprie esigenze d’impossibilità a  riprendere servizio, questo comportamento integrava la fattispecie della colpa grave prevista dalla norma.

La Corte di Cassazione ha affermato che il giudice d’appello non si era conformato alla sentenza n.19912/11, che prevede che il divieto di licenziamento della lavoratrice madre sia reso inoperante (Dlgs n. 151/01 art. 3 a) quando ricorra la colpa grave della lavoratrice, che non può ritenersi integrata dalla sussistenza di un giustificato motivo soggettivo. In altre parole non basta che si crei una situazione prevista dal contratto collettivo quale giusta causa di licenziamento, essendo invece necessario verificare se sussista quella colpa specificamente prevista dalla norma e diversa per gravità, rispetto a quella prevista dalla disciplina pattizia per i generici casi d’inadempimento del lavoratore sanzionati con il licenziamento. Al giudice spetta l’accertamento e la valutazione della colpa grave, tendendo conto che la donna si trova in una fase rilevante della sua vita, con possibili ripercussioni su piani diversi ed eventualmente concorrenti (personale e psicologico, familiare, organizzativo).

Sorgente: :: Consulenti del Lavoro OFFICIAL SITE :: – Licenziamento della lavoratrice madre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...