Unioni civili e convivenze di fatto: le istruzioni dell’INPS sull’assegno per il nucleo familiare

La Circolare INPS 5 maggio 2017, n. 84 ha fornito alcune indicazioni in merito alla corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare, assegni familiari e assegno per congedo matrimoniale alla luce della l. n. 76/2016.

Individuazione nucleo di riferimento per unioni civili

Qualora solo una delle due parti dell’unione civile sia lavoratore dipendente o titolare di prestazione previdenziale devono essere riconosciute (al pari di quanto avviene in ambito matrimoniale per il coniuge non separato legalmente ed effettivamente) le prestazioni familiari per l’unito civile privo di posizione tutelata.Nel caso in cui il nucleo sia formato da persone dello stesso sesso con unione civile e figli di una parte nati da una precedente unione, a questi ultimi viene garantito, qualora uno dei due genitori abbia una posizione tutelata e a prescindere dal fatto che siano in affidamento condiviso o esclusivo, il trattamento di famiglia su una delle due posizioni dei propri genitori. Se entrambi i genitori, separati o “naturali”, sono privi di una posizione tutelata la successiva unione civile di uno dei due con altro soggetto (lavoratore dipendente o titolare di una posizione previdenziale sostitutiva) garantisce il diritto all’ANF/AF per i figli dell’altro unito civile. Se, invece, i figli di una delle parti dell’unione civile sono nati dopo l’unione stessa, l’assegno potrà essere erogato dall’istituto allorché il figlio sia stato inserito all’interno dell’unione civile.

Effetti dello scioglimento delle unioni civili

In caso di scioglimento dell’unione, il diritto alle prestazioni familiari sarà regolato, ove possibile, in conformità con quanto previsto dal codice civile.

Reddito di riferimento per le convivenze e assegno per congedo matrimoniale 

Ai fini della misura dell’ANF, per la determinazione del reddito complessivo, è possibile assimilare ai nuclei familiari coniugali solo la situazione dei conviventi di fatto che abbiano stipulato il contratto di convivenza ex art. 1, comma 50, l. n. 76/2016 qualora dal suo contenuto emerga con chiarezza l’entità dell’apporto economico di ciascuno alla vita in comune.Viene estesa, infine, la possibilità di corrispondere l’assegno per congedo matrimoniale anche alle unioni civili.

Disposizioni generali

Il richiedente le prestazioni potrà inoltrare la domanda all’INPS in via telematica secondo le procedure già esistenti per le prestazioni di riferimento, dichiarando, sotto la propria responsabilità, lo stato di “coniuge”, “unito civilmente”, “convivente di fatto”. Per la qualifica di “unito civilmente”, in particolare, dovrà farsi riferimento agli atti dell’unione civile registrati nell’archivio dello stato civile.

Fonte: Lavoropiù – ilfamiliarista.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...